La stazione di I1EPJ
Ricevitore U.S. ARMY BC342


Altra meretrice babilonese, per dirla con IZ4CZJ, cioè apparato che conoscono tutti, almeno per sentito dire.

Si tratta di un ricevitore totalmente valvolare, versione fissa del forse ancora più noto BC312, previsto per uso campale e quindi con alimentazione a 12Vcc, realizzato ed utilizzato durante la seconda guerra mondiale, ma derivante da un precedente progetto risalente addirittura agli anni '30. Il BC342, come anche il BC312, ha una copertura di frequenza di 1.5 - 18 MHz divisa in sei bande: 1.5 - 3 MHz, 3 - 5 MHz, 5 - 8 MHz, 8 - 11 MHz, 11 - 14 MHz e 14 - 18 MHz ed è un ricevitore a singola conversione con media frequenza di 470 kHz ed alimentazione a 115 Vac. L'oscillatore locale (termostatato) lavora ad una frequenza superiore di 470 kHz rispetto al segnale ricevuto nelle prime tre gamme, ed inferiore nelle seconde tre. Nonostante le dimensioni non proprio microscopiche, non incorpora l'altoparlante, che è esterno (LS-3, visibile a destra del ricevitore).

Nato per ricevere AM e CW, con qualche accorgimento (consistente nell'uso obbligatorio del controllo di guadagno manuale e nell'opportuna regolazione del BFO, quindi poca roba) è possibile ricevere discretamente anche la SSB, come dimostrato dal primo filmato. Una caratteristica interessante di tale ricevitore è che, passando al controllo di guadagno manuale, il volume BF è fisso al massimo valore ed il potenziometro (si tratta in realtà di un potenziometro doppio) che controlla il volume di BF nel modo AVC inserito, diventa, nel modo AVC escluso, il controllo di guadagno RF. Il volume audio si regola quindi regolando il guadagno RF e ciò permette di mantenere il rapporto tra le ampiezze del segnale del BFO e del segnale RF ad un valore tale da demodulare decentemente la SSB anche se il rivelatore è un semplice rivelatore di ampiezza a diodo (ovviamente termoionico).

Come è noto, molti di questi ricevitori sono stati modificati nel primo dopoguerra per adattarli (si fa per dire...) alle esigenze radioamatoriali. L'esemplare in mio possesso non fa eccezione: quando l'ho acquistato, più anni fa di quanto mi piaccia ricordare, aveva subito tre modifiche, fortunatamente nessuna delle quali al circuito. Due di esse erano utili, una, che infatti è stata prontamente rimossa, decisamente meno. Le due modifiche utili sono la sostituzione dello stranissimo connettore d'antenna originale con un SO239 e l'aver fatto uscire il segnale dell'oscillatore locale su un altro SO239 (purtroppo montato forando il pannello frontale...), utile per collegarci un frequenzimetro, visto che la precisione della scala lascia parecchio a desiderare. La modifica rimossa è stata quella di far uscire il segnale di media frequenza su un terzo SO239 (sempre montato forando il pannello frontale...), non si sa bene a quale scopo, forse per demodulare esternamente la SSB e/o la RTTY, oppure per mandare il segnale ad una seconda conversione esterna per ottenere una selettività.maggiore di quella originale.

Infatti, pur essendo dotato di un filtro a quarzo (versione a un quarzo con phasing), in CW la selettività non è proprio il massimo, senza considerare che, col circuito originale, l'inserimento in circuito dello stesso provoca una notevole staratura della media frequenza, in quanto l'esclusione del quarzo avviene con il condensatore del phasing ruotato alla massima capacità. È quindi necessario fare una scelta: se lo stadio di MF in cui è presente il filtro a quarzo viene tarato per il massimo col quarzo disinserito, avviene quanto detto prima. Se la taratura è fatta per il massimo con il quarzo inserito, la staratura dello stadio di MF interessato la si ha disinserendolo. Sarebbe bastato far coincidere la posizione "filtro a quarzo escluso" col minimo valore di capacità del condensatore variabile del phasing per, se non risolvere completamente, almeno limitare notevolmente tale problema. Sarebbe interessante sapere se si è trattato di un errore in fase di progetto e/o in fase realizzativa oppure se la cosa è stata voluta.




Il BC342 spento. Il BC342 acceso. Così funziona meglio. La targhetta di identificazione del BC342. La targhetta di identificazione dell'altoparlante LS-3.